Aspettando Terra Madre Salone del Gusto 2018

Sabato 27 gennaio a Torino la grande Festa Contadina per gli 11 anni di Eataly Lingotto

Il 2018 si apre all’insegna di valori come biodiversità, stagionalità, democraticità del buon cibo, convivialità, benessere animale e tutela delle produzioni di piccola scala e dell’ambiente. Sabato 27 gennaio, infatti, Eataly Lingotto (Torino) festeggia con una giornata dedicata al mondo rurale e organizza, con la collaborazione di Slow Food Italia, una grande Festa Contadina per raccontare la ricchezza del patrimonio gastronomico italiano. La Festa Contadina sarà l’occasione per ricordare che il 2018 è l’anno di Terra Madre Salone del Gusto. Inoltre 1 euro per ogni piatto venduto sarà donato a Menu for Change, la campagna internazionale di Slow Food che mette in relazione il cambiamento climatico con la produzione e il consumo del cibo.

La Festa Contadina di Torino è solo il primo appuntamento di questo nuovo anno in cui Eataly cercherà ancora di più di mettere al centro del suo agire la terra, l’ambiente e le persone. Nel 2018 prosegue e rafforza l’iniziativa legata alla salvaguardia e promozione delle sementi autoctone Seminiamo la Biodiversità, realizzata nel 2017 con Slow Food, Università degli Studi di Palermo e Arcoiris, e continuano i Mercati dei Produttori, presenti nei principali punti vendita italiani.

Si rinnova anche il supporto di Eataly ai 10.000 Orti in Africa di Slow Food e ad altri progetti incentrati sulla tutela dell’ambiente che verranno lanciati nei prossimi mesi.

La grande Festa Contadina

Dal mattino Eataly Lingotto si trasformerà nel palcoscenico di un grande mercato contadino diffuso, durante il quale sarà possibile comprare dal produttore, senza alcuna intermediazione. Dalle ore 14 nella Sala Punt & Mes (al primo piano) si terranno incontri aperti a tutti per approfondire temi quali la filiera corta e un approccio sostenibile alla produzione agricola, alla pesca e all’allevamento. In serata, a partire dalle ore 19, le cucine dei ristoranti ospiteranno ai fornelli 10 osterie chiocchiolate della guida Osterie d’Italia di Slow Food Editore (Osteria del Boccondivino, Bra – Cn; Osteria della Villetta, Palazzolo sull’Oglio – Bs; Lago Scuro, Stagno Lombardo – Cr; A Viassa, Dolceacqua – Im; Da Ö Colla, Genova; Laghi, Campogalliano – Mo; La Campanara, Galeata – Fc; Mangiando Mangiando, Greve in Chianti – Fi; Zenobi, Colonnella – Te; Lilith Masseria Copertini, Vernole – Le) e una pizzeria gourmet: due proposte gastronomiche per ogni punto per un viaggio tra le ricette simbolo della tradizione locale italiana. Tutti gli osti saranno accompagnati dal contadino/artigiano dal quale si riforniscono abitualmente e potranno raccontare così non solo il piatto ma anche il lavoro e la passione che c’è dietro a un prodotto. I ticket per ogni piatto sono acquistabili presso i singoli ristoranti, mentre c’è la possibilità di munirsi di un carnet per poter assaggiare più proposte. La serata sarà accompagnata dalla musica live itinerante dei Magicaboola Brass Band, un gruppo toscano di 11 elementi tra fiati e percussioni.

Il taglio della torta

Come tutti gli anni non mancherà il tradizionale appuntamento con 3.000 porzioni di torta e il brindisi con bollicine, diventato un rito dei festeggiamenti di Eataly con la Città di Torino, che è previsto per domenica 28 gennaio alle ore 16.

L’avventura di Eataly è partita da Torino 11 anni fa e oggi sono 39 i punti vendita in tutto il mondo, con 5.000 addetti e circa 470 milioni di euro di fatturato nel 2017. Crescita sancita, anche, da un impegnativo programma di aperture in previsione nei prossimi mesi (e anni): Stoccolma, a febbraio, il secondo negozio a Istanbul e a San Paolo e poi San Francisco, Las Vegas, Toronto, Hong Kong e più in là Verona, Madrid, Londra, Parigi…

 

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • Si   No